Le Nostre Storie

Storia di Giuseppe e Diane Rossi – ARtuscany

Storia di Giuseppe e Diane Rossi – ARtuscany

Le Nostre Storie

Ogni estate il contachilometri del suo pulmino aumenta di 40-50 mila chilometri. È stanco, certamente, ma il sentimento che lo pervade è pieno di soddisfazione. Perché ne è convito: viaggiare in giro per il mondo impreziosisce la sua vita. Giuseppe Rossi e la moglie Diane sono gli ideatori di ARtuscany, l’agenzia castiglionese che organizza, come loro stessi affermano, “vacanze educative in Italia”. I suoi amici-clienti sono di nazionalità inglese, americana neozelandese, norvegese, giapponese e tante altre ancora. “Nei loro soggiorni – continuano i coniugi Rossi – hanno la possibilità di respirare a pieni polmoni il sapere, la storia italiana”. Tante le nazioni di provenienza dei turisti, dunque, così distanti le une dalle altre e così diverse tra di loro. Ma c’è una cosa che li accomuna: l’amore per il sapere, per il talento e per le espressioni artistiche italiane. O meglio toscane. Si perché viaggiare in Toscana significa intraprendere un cammino nella conoscenza, nella cultura e nella tradizione italiana. Sono presenti città famose e cariche di storia come Firenze e Siena. Tutto racconta il passaggio di antichi e valorosi popoli come gli Etruschi, ma anche di grandi architetti come il Brunelleschi e Luca Signorelli. Oltre che di straordinari artisti come Michelangelo, Leonardo e Vasari. Con la loro intelligenza e creatività hanno prima plasmato e successivamente modellato un territorio unico al mondo. Ma la Toscana è sinonimo anche di luoghi e realtà minori come Castiglion Fiorentino, la Valdichiana e tutti i paesi limitrofi. Paesi meno conosciuti ma non per questo meno belli e affascinanti. “Rimangono conquistati – continuano all’unisono Giuseppe e Diane – dalle opere architettoniche dei nostri paesi, dei veri e propri gioielli!” Tutto questo, quindi, ha spinto Giuseppe Rossi e la moglie Diane a dar vita, una decina di anni fa, ad ARTuscany. Si perché forse niente è più presente nell’immaginario del viaggiatore che il patrimonio culturale e naturale della Toscana. E forse niente “strega” di più di una mirabile opera, di un paesaggio esclusivo, di un prezioso scorcio tra i vicoli di città medievali. “Fin da bambino desideravo lavorare a stretto contatto con l’arte, la natura, le bellezze storico-artistiche italiane – racconta Giuseppe Rossi – ed oggi quella fantasia è diventata una solida realtà!” Il sogno di un bambino, dunque, che si è materializzato in una concreta verità. Anche se per realizzarla il viaggio non è stato certo né corto né tanto meno facile. “Quando avevo 10 anni, la mia famiglia si trasferì da Potenza a Castiglion Fiorentino – spiega – All’epoca lavorava in una ditta incaricata nella realizzazione della Linea Ferroviaria Direttissima. Dopo un breve periodo mi sono trasferito in seminario a Roma ma ogni fine settimana come per ogni vacanza tornavo in questa meravigliosa terra. Ero ospite dell’istituto don Orione, siamo nel comune di Cortona, e il periodo tra l’adolescenza e l’età matura è trascorso, come si suol dire, a ‘pane e arte”. Poi la scelta più difficile, quella che avrebbe segnato la sua vita in maniera indissolubile. Continuare la carriera ecclesiastica o uscire dal seminario ed affrontare la vita civile ? Giuseppe Rossi decide di trasferirsi in Inghilterra dove gestira’ una grande azienda italiana. Sulla riva del fiume Tamigi, poi, incontrerà quella che sarebbe diventata sua moglie e con la quale avrebbe costruito una splendida famiglia. Ma Giuseppe sapeva in cuor suo che il “viaggio” della sua vita non era ancora completo. Sapeva che sarebbe tornato in Italia. Ma come e con quali prospettive ? Semplice ! Il suo sogno nel cassetto era lì pronto per essere rispolverato e reso operativo. E così è stato. “Appena arrivato a Castiglion Fiorentino ho cercato una casa in affitto, dove tutt’ora abito. Ci sono voluti 3-4 anni per organizzare questo portale di comunicazione, ma soprattutto per delineare la strada su cui percorrere la via del successo. “Siamo partiti con dei semplici corsi d’arte, dove abbiamo coinvolto gli artisti locali. Ed oggi in questo progetto sono presenti scultori e pittori di fama internazionale”. I laboratori artistici hanno un focus pratico e professionale ma si rivolgono anche a tutti i livelli di abilità, dai principianti assoluti agli artisti competenti. Botteghe di pittura, quindi, ma anche di disegno, di scultura oltre che di mosaici e di lavori in vetro, ceramica e terracotta. Fino ad arrivare alla riproduzione di gioielli etruschi. “Imparare da zero o migliorare la capacità e le esperienze esistenti, è il nostro motto!” affermano Giuseppe e Diane. Oltre ad offrire un modo diverso di viaggiare i coniugi Rossi lavorano anche alla “ tutela e valorizzazione del territorio anche attraverso i prodotti enogastronomici. Pensiamo – spiegano – che la gente deve venire qui, nel nostro bellissimo paese, non c’è niente di simile al mondo, invece di far andare via i ‘cervelli’. Ci riferiamo ai giovani volenterosi e capaci che primeggiano in varie discipline. Se attueremo il progetto tutti potranno beneficiare degli aspetti positivi”. Aprire un flusso turistico culturale, sarà questa la sfida del futuro per Giuseppe Rossi e la moglie Diane. E conoscendo la loro tenacia sarà una sfida vincente.

  • Ricerca Struttura
  • Iscriviti alla Newsletter

    Iscriviti
    Nome
    Email*
  • Previsioni Meteo